ALBA: taglio di alcuni capitoli di spesa per un risparmio di oltre 500mila euro

La società  municipalizzata del Comune di Battipaglia deve essere gestita come una vera e propria azienda. Non sono favorevole alla vendita di Alba, ma a un suo potenziamento. È vero, permangono due criticità. Stando ai dati di bilancio del 20 settembre 2015, i debiti precedenti la scissione,  appesantiscono fortemente la situazione patrimoniale , debiti a cui si aggiungono i costi del personale dipendente. Questi ultimi giustificano la dimensione di  un organico tale da garantire ai residenti una pluralità di servizi, grazie ai quali la società puó vantare crediti considerevoli nei confronti dell’Ente Comunale, pari a circa cinque milioni di euro. L’unica vera anomalia resta quella dei debiti verso il fisco ed Equitalia. Risolti questi, Alba potrebbe ritrovare un  equilibrio economico-finanziario che scongiurerebbe il rischio di cessione, laddove siano soddisfatte condizioni di efficacia ed efficienza di gestione. Per il prossimo triennio, infatti, si prevedono significativi miglioramenti in alcune importanti voci di bilancio della società relative al nuovo piano di raccolta, avviato nel 2015 e destinato a consentire una riduzione dei costi per circa 500mila euro, oltre al miglioramento della qualità del servizio. Inoltre, è previsto un rinnovamento del parco macchine ricorrendo al noleggio, con risparmio in termini di costo manutenzione/assicurazione  di circa 100mila euro; infine, il pensionamento di 17 dipendenti, che permetterà di tagliare la spesa per il personale di circa 700mila euro.

Gestire la società partecipata in maniera aziendalistica significherà anche porla al servizio di realtà al di fuori dei confini comunali, creando nuova ricchezza e nuove opportunità occupazionali.