Urbanizzazione, piano traffico e manutenzione ordinaria. Così, Battipaglia dirà addio ai disagi del maltempo.

In News

Ad ogni temporale, la città di Battipaglia si paralizza, con traffici, rallentamenti e disagi strutturali che si vanno a sommare al degrado conclamato di alcune zone.
Ieri, da ogni quartiere, Mi sono giunte segnalazioni di buche piene d’acqua in cui è facile finire a piedi o in auto. Un albero è caduto all’interno del cortile dell’istituto “Besta Gloriosi” di via Generale Gonzaga. Marciapiedi ormai rovinati dal tempo e dalla cattiva manutenzione nascondono pozzanghere. Il sottopasso ferroviario tra via Rosa Jemma e via Roma, nonostante i recenti lavori di manutenzione, si allaga alle prime gocce d’acqua. Nei quartieri Stella, Sant’Anna e Taverna ci sono negozi, magazzini e garage allagati. E poi lunghe code d’auto in centro e nelle periferie, da via Roma a via Belvedere, da via Olevano a via del Centenario, da via Mazzini a via Paolo Baratta.
Tali disagi sono figli di una cattiva manutenzione delle strade e dei marciapiedi di Battipaglia, di una pulizia delle caditoie sommaria, in generale di una viabilità che continua ad essere legata ad esigenze di un passato remoto, quando Battipaglia era una città molto più piccola rispetto ad oggi.

Le soluzioni per evitare che Battipaglia diventi una enorme pozzanghera ad ogni temporale ci sono. Nel nostro programma elettorale, abbiamo inserito le nostre idee per un nuovo piano di urbanizzazione della città. Vogliamo procedere con il rifacimento generale del manto stradale, con un nuovo assetto viario che preveda modifiche ai sensi di marcia attuali per alleggerire il traffico veicolare, con la costruzione di un nuovo sottopasso ferroviario in via Matteo Ripa.